.
Annunci online

andreascopetti

BREGA, ROSI e altri indagati; e il PD dell'Umbria che dice?

diario 18/5/2011

queste sono le persone che hanno fatto perdere il Comune di Orvieto al Centrosinistra e hanno rovinato e distrutto il Pd. Quanto tempo dovrà passare affinchè un minimo di moralità sia perseguita dal Partito Democratico dell'Umbria? e cosa aspetta il Partito Democratico dell'Umbria a sospendere e cacciare tutte queste persone a cui stanno arrivando avvisi di garanzia a raffica e continuano a rappresantare il partito in tutte le istiuzioni più importanti della regione?
siamo in attesa di novità...........

http://http://www.tuttorvieto.it/leggi_new.asp?idcont=5030

Rifiuti, cambiare si può

diario 8/3/2011

 

La modifica apportata al Documento Annuale di Programmazione (DAP) della Regione Umbria, approvato nei giorni scorsi, che di fatto blocca la possibilità dell’apertura del terzo calanco per la discarica Le Crete di Orvieto, rappresenta un’importante vittoria ed un punto di partenza fondamentale per tutti quelli che hanno contribuito a far emergere progetti alternativi a quelli presentati dall’impresa che gestisce attualmente l’impianto.

La decisione presa dalla Regione Umbria è di fatto molto coraggiosa, considerato il peso che le “lobby dei rifiuti” hanno assunto nella nostra regione e il fatto che il Comune di Orvieto, nonostante la discussione innescata in città da parte del mondo associativo e civile, non abbia fino ad oggi assunto una decisione chiara in tema di gestione dei rifiuti e destino della discarica delle Crete.

Si è assistito, anzi, a profonde divisioni di prospettiva da parte della maggiornaza di centro destra con una parte schierata apertamente per un nuovo modello di gestione, incentrato sulla raccolta differenziata spinta, e l’altra parte apertamente in linea con il Piano Industriale presentato da SAO.

La scelta della Regione Umbria rappresenta un’importante inversione di tendenza che, ora, dovrà essere accompagnata da fatti concreti, a partire da un’attenta analisi sul perché le previsioni di durata dell’impianto de Le Crete e di altri impianti in Umbria, siano state completamente sballate e disattese e di pari passo attuare nuove iniziative politiche e finanziarie affinchè si avvii una seria Raccolta differenziata e il nostro ambiente venga salvaguardato dall’utilizzo indiscriminato.

Andrea Scopetti